OurHuman Health


Avete mai provato a chiedervi qual è il sostantivo che meglio si lega ed esalta la parola salute? Ne esiste uno potentissimo: il sostantivo è femminile, è desiderato da tutta la popolazione della terra e rappresenta uno stato di piacere capace di protrarsi nel tempo anche in modo indefinito.
Si tratta della Felicità.
Salute e Felicità sono considerati un connubio perfetto: alcune community e social network li considerano sinonimi.

La felicità è uno stato d’animo, è una emozione che ti permette di consumare qualsiasi desiderio solo se accompagnato da una buona salute. Lo sanno tutti, ma a metterlo in pratica è solo il 30% della popolazione. Tutti gli altri, cioè il 70%, in qualche modo non sono felici perché soffrono di un malessere più o meno grave che impedisce loro di essere felici.
Ci sono due parole chiavi che definiscono la felicità derivante dall’avere una buona salute.

Le parole sono Prevenzione e Stile di vita/alimentazione.

Tutte le forme di salute umana passano attraverso questi due concetti basilari e fondamentali della nostra vita. Nessuno ce lo insegna perché abbiamo l’illusione di conoscerla. Essere in salute per alcune popolazioni vuol dire mangiare molto ed essere in carne. Per altre vuol dire esagerare continuamente nella disgraziata illusione di potersi spingere sempre un po’ oltre senza che accada niente. Per altre ancora corrisponde ad usare il proprio corpo come una macchina che esprime potenza, vigore e forza muscolare.
Nella realtà queste sono credenze o convinzioni molto improbabili di una buona salute: infatti, mangiare è uno dei principi fondamentali del nostro benessere ma deve sempre prevalere la ricerca dell’equilibrio, tra quantità moderata e diversità del cibo.

L’uomo è onnivoro, polienzimatico (produce enzimi capaci di frammentare e digerire qualsiasi prodotto alimentare) e deambulante. L’uomo per poter esprimere al massimo la propria potenza in termini di watt energetici deve passare attraverso un processo che si chiama allenamento e non attraverso una abitudine di disordine alimentare chiamata sovralimentazione.
È vero che tutte le cose buone, fritte, glassate e ad alto contenuto di grassi o zuccheri fanno male ma quello che tutti dimenticano di ricordarsi è che sono le dosi e le quantità a distruggerci e non l’alimento in sé.

Ecco perché OUR HUMAN HEALTH è il nostro personale, insostituibile e prezioso valore intangibile che dovremmo curare, apprezzare, conservare più di qualsiasi altra cosa al mondo. Sapete perché? Perché da questo valore intangibile possono derivare due potentissime conseguenze tangibili contrapposte: una malattia/disfunzione o una grande salute/felicità.

Non vi resta che provare e… seguirci!